La transizione alimentare per i gatti

25 giugno 2018 da Paolo Zambianchi

È risaputo che spesso i gatti sono piuttosto cocciuti. Non è quindi sempre un'impresa facile cambiare loro l’alimentazione, ma con questi suggerimenti ci riuscirai, anche con il tuo gatto.

Come funziona?

I gatti sono piuttosto caparbi, per questo la transizione alimentare non è sempre semplice. Rifiutano i cibi nuovi e sconosciuti e questo demoralizza non poco i loro padroni. Nella maggior parte dei casi il gatto vince e ottiene quello che vuole.

Tuttavia, l'animale non si comporta così solo per irritare il padrone, ma la transizione da un cibo povero di sostanze nutritive e con un basso contenuto di carne a un'alimentazione ricca di proteine condiziona anche il processo di cambiamento del corpo del gatto. Ciò può avere varie conseguenze.

Il corpo si deve abituare lentamente al nuovo cibo e ciò non può avvenire da un giorno all'altro. Il grado di contenuto proteico e la durata del periodo durante la quale il gatto è stato abituato al cibo precedente determinano la velocità della transizione alimentare.

Tuttavia, ciò può variare anche da animale a animale. Per alcuni gatti una transizione rapida non presenta problemi, mentre per altri il nuovo cibo deve essere introdotto di nascosto e a piccole dosi. Sta a te valutare al meglio il tuo gatto.

All'inizio possono insorgere flatulenza e vomito. Con la transizione a un regime alimentare adeguato alle sue necessità, il corpo del gatto ha la possibilità di espellere le tossine accumulate, ossia, per così dire, di disintossicarsi.

Come procedere?

I gatti che sono sempre stati abituati a cibi contenenti zuccheri e esaltatori di sapidità, hanno molte difficoltà ad accettare la nuova nutrizione sana. In questi casi non si può far altro che perseverare.

Fai provare il nuovo cibo al tuo gatto ripetutamente.

Ma attenzione: ci sono gatti che preferiscono patire la fame piuttosto che accettare il nuovo cibo. Agire con prudenza, perché potrebbe verificarsi una lipidosi epatica che può mettere a rischio la vita dell'animale (steatosi epatica o accumulo di grasso nel fegato).

L'equilibrio del metabolismo lipidico del fegato viene sbilanciato dalla mancanza di apporto proteico quotidiano e di conseguenza, i grassi accumulati non possono più essere espulsi. A differenza dei cani, che possono sopportare anche di frequente un giorno di digiuno, per i gatti grassi è ancora più pericoloso che per quelli magri. Perciò devi introdurre il nuovo cibo a poco a poco e non arrenderti facilmente.

Passaggio da un'alimentazione umida a un'altra umida

Quanto più basso è il contenuto proteico dell'alimentazione precedente, tanto più a lungo dura la transizione. Mescola dosi sempre maggiori del nuovo cibo con quello utilizzato precedentemente. Inizia con un cucchiaino e una volta che il gatto lo ha accettato, aumenta la quantità di un cucchiaino al giorno. Se il gatto mangia anche cibo secco, non escluderlo dall'alimentazione, ma spargilo sul cibo umido come decorazione e per stimolare l'appetito.

Se il gatto è stato alimentato a lungo con cibo ricco di carboidrati e a basso contenuto proteico (o nel caso di animali molto sensibili o anziani), consigliamo di effettuare contemporaneamente una ricostruzione della flora intestinale (cura dell'intestino).

Suggerimenti

  • Non lasciare in giro il vecchio cibo, chiuso o aperto che sia. Il gatto può sentirne l'odore e rifiutarsi di mangiare il nuovo cibo. Riponi il vecchio cibo in un sacchetto di plastica e sigillalo bene.
  • Le dosi aperte possono anche essere travasate in contenitori di plastica sigillabili. I prodotti aperti dovrebbero tuttavia essere consumati entro al massimo una settimana.
  • I gatti consumano il cibo più volentieri alla temperatura delle loro prede, ossia a temperatura corporea. Scalda il cibo in un fornellino o a bagnomaria, ma mai nel microonde. In alternativa, se hai appena tirato fuori il cibo dal frigorifero, bagnalo con un po' d'acqua calda.
  • Se il gatto inizia a elemosinare cibo durante i pasti, dagli un contentino, ma non una razione normale. Cerca di non dargli leccornie durante la fase di transizione.
  • Strofina la ciotola per esempio con erba gatta e poi versaci dentro il cibo.

Passaggio da cibo secco a nuovo cibo umido

Il passaggio da un’alimentazione secca a un’alimentazione umida risulta spesso difficile. All'inizio metti nella ciotola solo mezzo cucchiaino di cibo umido e cospargilo con un po' di Cat Dry Vision, di solito fa miracoli! Ebbene sì, per alcuni gatti la transizione può durare molto a lungo.

Sostituire dei croccantini industriali con i cibi ANiFiT

  • In caso di rifiuto, sbriciolare il 25% del nuovo alimento ANiFiT secco con il 75% delle crocchette usuali.
  • Ridotto così in polvere, il gatto non sarà più in grado di selezionare il suo vecchio cibo secco, ma inizierà a degustarlo.
  • Man mano che i giorni passano, aumentare gradualmente le proporzioni di cibo ANiFiT riducendo quelle delle vecchie crocchette. Dopo qualche giorno di pazienza, il gatto avrà accettato ANiFiT, il che significa avere partita vinta, per te e per lui!

Ulteriori aiuti

Come valido aiuto per il cambiamento dell’alimentazione, il nostro ANiFiT Fructosan contiene fructo-oligosaccaridi, ossia catene formate da al massimo nove molecole di fruttosio che non vengono scisse dagli enzimi corporei dell'intestino tenue.

Questi raggiungono così l'intestino crasso prima di essere digeriti, dove vengono demoliti dalla flora batterica predisposta per questo compito e ridotti in brevi catene di acidi grassi. In questo modo il ph del lume intestinale diminuisce favorendo le colonie di bifidus, che è considerato un batterio salutare.

Possibili germi patogeni vengono respinti e la flora batterica che protegge l'intestino viene rafforzata. Il tuo gatto si munirà così di un sistema immunitario estremamente efficace.

<  Vai alla panoramica

Prodotti corrispondenti del nostro assortimento

Cat Dry Vision

da CHF 17.00
(Cat Dry Vision 200g)

Vai all'articolo

Fructosan

CHF 25.00
(Fructosan 140g)

Vai all'articolo

Categorie

Ultimi post

Ipertiroidismo dei gatti - cosa fare?

08.04.2020 da Andrea Meyer

Vai all'articolo

Ipotiroidismo dei cani - cosa fare?

08.04.2020 da Andrea Meyer

Vai all'articolo

DEGUSTAZIONE GRATUITA

Ordina subito